Silent Hill : Downpour

  • Categorie: PlayStation 3 | Xbox 360 | Survival Horror
  • Produttore: Konami
  • Sviluppatore : Vatra Games
  • Uscita : 29 Marzo 2012
  • Multiplayer : Assente
  • Sito Web : http://www.konami.com/games/sh

Quella di Silent Hill è senza dubbio una delle serie videoludiche più longeve e popolari degli ultimi 20 anni, ciononostante, come troppo spesso è accaduto in questa generazione, alcune “vecchie glorie” del passato non sono riuscite a confermarsi sempre ai propri storici livelli… vecchie glorie come appunto Silent Hill.

silent

Il vecchio Homecoming, complice anche una evidente propensione per l’azione, ha infatti deluso più persone di quante ne abbia soddisfatte e… Silent Hill : Downpour ? Beh, continuate a leggere per scoprirlo.

Il titolo racconta le vicende di Murphy Pendleton, giovane carcerato ritrovatosi a vagare nelle nebbiose strade di Silent Hill dopo essere sopravvissuto all’incidente stradale che ha distrutto il pullman penitenziario che avrebbe dovuto condurlo verso la sua nuova casa: un carcere di massima sicurezza. L’avventura che lo vede protagonista lascia purtroppo a desiderare sotto tanti punti di vista (sceneggiatura inconsistente, personaggi poco carismatici, ed un sostanziale senso di confusione generale che permane dall’inizio alla fine) ma la narrazione è purtroppo solo uno dei tanti difetti di questo Downpour.

gameplay Silent Hill : Downpour

Il gameplay è infatti quanto di peggio ci si potesse aspettare, specie nel 2012. I movimenti di Murphy sono legnosi e difficili da gestire anche nelle semplici fasi di esplorazione, e durante i combattimenti le cose peggiorano esponenzialmente. Un solo tasto di attacco ed una banalissima parata non garantiscono alcun tipo di dinamismo e di conseguenza gli scontri, complici anche nemici dai comportamenti a dir poco schematici e dunque prevedibili, si rivelano spesso davvero frustranti.

Se poi aggiungiamo a tutto questo degli enigmi tutt’altro che stimolanti, l’esperienza non può che rivelarsi di molto inferiore alle aspettative. In termini di gameplay Downpour sembra addirittura inferiore al già mediocre Homecoming e nonostante un leggero ritorno alle origini in quanto ad atmosfera e dinamiche di progressione – ci sono più enigmi e, più in generale, ci si sente finalmente davvero indifesi – l’esperienza proposta appare comunque di molto inferiore ai primi tre capitoli del brand.

A poco servono infatti i finali multipli, legati a poche banali scelte di approccio nel corso dell’avventura, perché ci sono ben poche possibilità che, completato il primo playtrhough, troviate la voglia di ricominciare da capo.

Una delusione su tutti i fronti. Comprarlo a 70 euro sarebbe un furto, ma ad un prezzo più ragionevole, magari usato, gli irriducibili del brand potrebbero togliersi qualche piccola soddisfazione.

Previous Entries Trine, questa settimana su PSN Next Entries Sleeping Dogs revista

Leave a Reply

*