Sleeping Dogs – 2

Sleeping Dogs

Si passa infatti da semplici ronde per riscuotere il pizzo, a inseguimenti di ogni genere anche a bordo di moto, il tutto senza trascurare frenetiche sparatorie e intense scazzottate. Il sopracitato sistema di combattimento corpo a corpo è molto curato e, pur avendo diversi punti in comune con quello degli ultimi due Batman realizzati da Rocksteady, si dimostra sempre estremamente gratificante.

Il tutto, trattandosi di un free-roaming, è arricchito da un pregevole sistema di personalizzazione estetica del personaggio e da un sistema di crescita che influenza lo sviluppo di Wei in base a come lo si utilizza nell’arco dell’avventura. Sono infatti presenti due alberi di abilità ben distinti, da cui è possibile attingere solo adottando una specifica condotta nel corso delle tante quest e sidequest proposte.

Agendo nel rispetto delle regole, ovvero limitandosi a rendere inoffensivi gli avversari senza ucciderli e guidando senza causare danni alla collettività, si potrà accrescere il proprio livello come poliziotto, mentre agendo con violenza, ricorrendo ad esempio ad armi da fuoco o da taglio, si andrà ad incrementare il proprio livello come criminale. Ogni tipo di approccio ha ovviamente pro e contro e, così come accade nella vita reale, interpretare due ruoli senza sbavature di alcun tipo richiederà grande attenzione e concentrazione.

Alla luce dell’ottimo sistema di combattimento corpo a corpo de Sleeping Dogs , con attacchi in stile Bruce Lee e la possibilità di esibirsi in cruenti attacchi contestuali sfruttando alcuni elementi delle ambientazioni, non farsi prendere la mano durante una scazzottata potrebbe essere davvero un’impresa. Credetemi.

Tecnicamente, infine, il titolo si attesa su dei buoni standard, proponendo una curata rappresentazione di Hong Kong e modelli poligonali ben realizzati, anche in quanto ad animazioni facciali, in grado di far trasparire in maniera più che adeguata gli stati d’animo dei tanti personaggi proposti. Il sistema di danni delle auto lascia un po’ a desiderare – con danni pre-impostati a tratti deludenti – ma non si tratta di certo di un problema primario ai fini della completa fruizione dell’esperienza.

Conclusioni

In definitiva Sleeping Dogs si dimostra dunque una piacevolissima sorpresa, in grado di arricchire il panorama dei free-roaming di stampo mafioso in maniera a dir poco significativa. Ogni aspetto dell’avventura è infatti curato nei minimi dettagli e i pochi difetti, pur impedendo al titolo di raggiungere un grado di assoluta eccellenza, non sono fortunatamente così evidenti da ridurre il coinvolgimento e, soprattutto il divertimento. Se volete un consiglio, dunque, dategli una chance, non ne resterete sicuramente delusi.

Previous Entries Sleeping Dogs revista

Leave a Reply

*